Home Emergenza Coronavirus Nuovo decreto Natale, lockdown fino al 6 gennaio, possibile ospitare 2 persone...

Nuovo decreto Natale, lockdown fino al 6 gennaio, possibile ospitare 2 persone non conviventi

0

Arriva la stretta, il governo a termine un consiglio dei ministri ha presentato ieri, 18 dicembre, un decreto legge che stabilisce le regole per gli spostamenti durante le festività natalizie.

“Con il metodo delle zone che ha evitato il lockdown generalizzato – spiega il presidente Conte – abbiamo portato l’indice Rt dall’1,7  allo 0, 86 tant’è che nei prossimi giorni ragionevolmente tutte le regioni potrebbero entrare nell’area gialla, la situazione però rimane difficile e rimane difficile in tutta Europa: Francia, Spagna, Regno Unito, Germania, l’Olanda, Svezia, hanno numeri in forte crescita.

Il virus continua a circolare dappertutto; si lascia piegare, ma non si lascia sconfiggere e per questo che anche tra i nostri esperti c’è forte preoccupazione che la curva dei contagi possa subire un’impennata anche per gli assembramenti dovuti alla diffusa voglia, peraltro comprensibile, di convivialità e socialità che si accompagna in questi giorni e in particolare nelle festività natalizie.

Dobbiamo quindi intervenire, assicuro che non è una decisione facile, è una decisione sofferta, ma necessaria per rafforzare il regime di misure che sono necessarie per affrontare le prossime festività in modo da cautelarci meglio anche in vista della ripresa più generale delle attività che avverrà a gennaio”.

Zona rossa, le misure:

Dal 21 dicembre al 6 gennaio, sarà vietato ogni spostamento tra le Regioni.

L’intero territorio nazionale sarà zona rossa nei giorni festivi e prefestivi dal 24 al 6 nei giorni 24, 25, 26 il 27 dicembre ancora 31 dicembre e poi, 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio 2021, si esce di casa solo per ragioni di lavoro necessità, salute.

È possibile ricevere presso la propria abitazione fino a due persone non conviventi dalle ore 5 alle ore 22 che potranno portare con sé anche i figli minori di 14 anni che sono quindi esclusi dal computo e le persone con disabilità o anche conviventi non autosufficienti,

È consentita l’attività motoria nei pressi della propria abitazione e l’attività sportiva all’aperto in forma individuale

Chiusura degli esercizi commerciali, dei centri estetici, dei bar, dei ristoranti, consentito l’asporto fino alle ore 22 e le consegne a domicilio, restano invece aperti alcuni esercizi come supermercati, negozi di beni alimentari e di prima necessità, edicole tabaccherie, farmacia e parafarmacia, lavanderie, parrucchieri e barbieri

Chiese e luoghi di culto saranno aperti per le funzioni religiose sono aperti fino alle ore 22

Zona arancione le misure:

L’intero territorio nazionale sarà zona arancione nei giorni feriali ossia i giorni  28, 29, e 30 dicembre e 4 gennaio 2021, in questi giorni saranno consentiti esclusivamente, gli spostamenti all’interno del proprio comune di abitazione e di residenza senza  giustificare gli spostamenti (Sono permessi gli spostamenti dei Comuni fino a 5000 abitanti per un raggio di 30 km tuttavia non ci si può spostare nei capoluoghi di provincia per non contribuire agli affollamenti dei capoluoghi di provincia delle città più grandi)

Rimangono chiusi bar e ristoranti eccezion fatta per l’asporto fino alle 22 e le consegne a domicilio

Negozi aperti fino alle ore 21

Nel decreto sono inserite misure dette “di ristoro” per 645 milioni di euro destinati ai ristoratori danneggiati dal lockdown.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.