Home Eventi BANDO DI CONCORSO 41° CARNEVALE CORATINO 2020

BANDO DI CONCORSO 41° CARNEVALE CORATINO 2020

0

 

modulo_partecipazione_PRIVATI 2020

Art. 1: É vietata qualsiasi rappresentazione che offenda il decoro, la morale e la religione, la diversità di razza e di genere.

Art. 2: Le persone che partecipano insieme alla realizzazione di un gruppo devono nominare un loro rappresentante, che sarà unico referente.

Art. 3: Le domande di partecipazione al concorso devono essere correlate da allegati: una breve descrizione del tema e una base per la coreografia del gruppo (non superiore a 3 minuti), che devono pervenire presso la sede Pro Loco entro il 10 febbraio 2020.

Art. 4: Tutte le disposizioni e l’ordine di uscita dalla sfilata saranno stabilite e comunicate in un’assemblea che sarà indetta a tale scopo dalla Pro Loco con i referenti nominati dai gruppi partecipanti.

Art. 5: I gruppi in gara sono tenuti a partecipare obbligatoriamente alle tre sfilate del 16 febbraio (anteprima), 23 e 25 Febbraio secondo il seguente programma:

  1. Domenica 16 Febbraio: dalle ore 10.00 alle ore 13.00 animazione per vie e piazze del centro cittadino, con esibizione dei gruppi in Piazza Cesare Battisti;
  2. Domenica 23 Febbraio: ore 14.00 con raduno e partenza da Via lama Di Grazia,   arrivo in Piazza Cesare Battisti lungo i Corsi cittadini;
  3. Martedì 25 Febbraio: ore 14.00 con raduno e partenza da Via Lama Di Grazia,  arrivo in Piazza Cesare Battisti lungo i Corsi cittadini. Al termine della sfilata saranno proclamati i vincitori del concorso.

 

Art. 6: La mancata partecipazione agli eventi, nei giorni stabiliti, provocherà l’esclusione dal concorso.

Art. 7: Costituiscono oggetto di valutazione l’originalità, l’allegoria, il costume, la coreografia, il messaggio, i colori e l’interazione con il pubblico. Non saranno prese in considerazione realizzazioni nelle quali il nudo o i contenuti sessuali sono pretestuosi o si riducano ad atti osceni.

Art. 8: L’uso di impianti sonori va effettuato senza eccessi di volume e senza creare intralcio all’esibizione di altri gruppi o alla sfilata in genere.

Al momento del raduno dei gruppi mascherati è fatto divieto di utilizzare l’amplificazione in modo da facilitare il lavoro dello staff. L’accensione delle attrezzature è consentita soltanto dopo l’avvio del corteo mascherato.

Art. 9: I gruppi partecipanti dovranno rispettare il percorso delle sfilate stabilito dall’Amministrazione Comunale d’intesa con la Pro Loco.

Nell’anteprima del 16 febbraio, nel clima di goliardia e allegria, ai gruppi verrà assegnata una postazione, nell’ambito della quale saranno liberi di muoversi ed esibirsi.

Art. 10: I gruppi che hanno a seguito un carro allegorico, hanno l’obbligo di fornire alla Pro Loco un bozzetto del manufatto e il luogo della sua realizzazione, che provvederà al collaudo tecnico.

Art. 11: I carri allegorici non sono oggetto di valutazione per un gruppo mascherato.

Art. 12: I vincitori del primo premio hanno l’obbligo di riconsegnare il palio alla Pro Loco quando lo richiederà.

Art. 13: La Pro Loco provvederà di concerto con il Comune, alla nomina di una giuria esterna all’associazione formata da esperti.

Art. 14: A ciascun giurato sarà consegnata la scheda di valutazione. Nelle votazioni il singolo giurato   dovrà utilizzare per ogni voce indicata nella scheda un punteggio compreso tra 5 a 10. La scheda in dotazione dovrà essere firmata dal giurato e consegnata presso la Pro Loco.

Art.15: Il giudizio della giuria sarà insindacabile e inappellabile.

Art. 16: I premi in concorso sono così stabiliti: Primo Premio pari a € 800 e consegna del Palio di Carnevale; Secondo Premio Pari a € 600; Terzo Premio Pari a € 400.

Art. 17: I gruppi partecipanti non vincitori riceveranno una attestazione di partecipazione e un premio in denaro pari a € 100.

Art. 18: Non è da escludere che il montepremi possa subire modifiche incrementando la disponibilità dei premi.

Art. 19: I gruppi mascherati in gara non sono vincolati ad attenersi al tema scelto dalla Pro Loco con l’Amministrazione Comunale e gli Istituti Scolatici.

Art. 20: I gruppi sono tenuti ad ottemperare a comportamenti rispettosi tra di essi e con il pubblico, nell’ottica di una sana e corretta competizione. La trasgressione di questa norma comporterà la presa di posizione di atti disciplinari da parte dell’organizzazione.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.