Home Eventi Festival pianistico Fausto Zadra, va in scena a Corato il Beethoventrio Zonno-Fiorino-Balducci

Festival pianistico Fausto Zadra, va in scena a Corato il Beethoventrio Zonno-Fiorino-Balducci

0

XI FESTIVAL PIANISTICO FAUSTO ZADRA

DOMENICA 24 ottobre, ore 19 presso l’Auditorium Federico II a Corato, il Beethoventrio: Giovanni Zonno, violino, Nicola Fiorino, violoncello, Filippo Balducci, pianoforte.

Trio in re maggiore n. 5, op. 70 n. 1, Trio in mi bemolle maggiore n. 6, op. 70 n. 2 di Ludwig van Beethoven

Si sentono ancora oggi gli echi delle celebrazioni di Beethoven, del quale lo scorso anno ricorreva il 250esimo anniversario della nascita, commemorato un po’ sottotono a causa della pandemia. E, infatti, i festeggiamenti proseguono per tutto il 2021, anche in Puglia, dove il Festival pianistico Fausto Zadra nel segno del titano della musica mette in relazione lo strumento di riferimento della manifestazione con violino e violoncello.

Di scena, domenica 24 ottobre, alle 19, nell’Auditorium Federico II di Corato, c’è il Beethoventrio nato proprio in occasione delle celebrazioni riservate al genio di Bonn all’interno del Conservatorio Piccinni di Bari ed è composto dal pianista Filipppo Balducci, che è anche direttore artistico del Festival Fausto Zadra, dal violinista Giovanni Zonno e dal violoncellista Nicola Fiorino.

Beethoven compose dodici Trii per pianoforte, violino e violoncello, oltre a quattordici Variazioni in mi bemolle maggiore riservate agli stessi strumenti e a due Trii in un solo movimento. Tra questi, i più conosciuti ed eseguiti sono sicuramente i due Trii dell’op. 70 al centro di questo concerto. Il n. 1, in re maggiore, prende il titolo di «Trio degli spettri» in relazione al clima lugubre evocato da Beethoven con alcuni accorgimenti armonici nel Largo del secondo tempo. Il n. 2 in mi bemolle maggiore è detto, invece, «dell’Arciduca» in quanto dedicato all’arciduca Rodolfo d’Austria, figlio minore dell’imperatore Leopoldo II. I due Trii dell’op. 70 furono composti nell’autunno 1808 e vennero dedicati ad Anna Maria Erdödy. E fu proprio il salotto della contessa, a Vienna, teatro della prima esecuzione nel dicembre di quell’anno, con lo stesso Beethoven al pianoforte, Schuppanzigh al violino e Linke al violoncello.

Il Festival Pianistico «Fausto Zadra» è organizzato dall’omonima associazione musicale con il sostegno del Ministero della Cultura, della Regione Puglia, dei Comuni coinvolti (Corato e Cellamare) e della Fondazione «Vincenzo Casillo».

A tutti gli appuntamenti si accede con green pass. Info e prenotazioni al 392.8653080, su Eventbrite o sulla pagina Facebook Festival pianistico Città di Corato.

Articolo precedente“Il limite: riconoscerlo, raggiungerlo, rispettarlo, oltrepassarlo” Un incontro del Rotary Club Corato, ne parla la Dott. ssa Paganelli
Articolo successivoAuto si ribalta in via Castel del Monte, ferita una donna

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.