Home Cronaca Le buche di Corato ai tempi del coronavirus – Per non dimenticare...

Le buche di Corato ai tempi del coronavirus – Per non dimenticare (foto)

2

Ieri mattina in via Trani, una delle strade più trafficate di Corato, si è verificato l’ennesimo episodio di incidente ai danni di un’autovettura, a farne le spese un coratino che alla guida della sua auto è incappato in una di quelle buche presenti in questo tratto di strada diventate delle vere e proprie voragini, prendendosi anche un bello spavento.

È da tempo che quelle buche sono presenti in quel tratto cittadino ed è evidente che nessuno ha preso provvedimenti a riguardo; via Trani è una delle arterie più importanti della città, su cui transitano molto spesso, non solo le auto di privati cittadini, ma anche i mezzi dei Vigili del Fuoco,  autoambulanze e mezzi delle forze dell’ordine, nella zona infatti sono presenti un centro dialisi e il distaccamento dei VV.FF., oltre ad essere un’importante via di collegamento con il casello autostradale e altri comuni limitrofi.

Sarebbe opportuno un ripristino immediato, d’altronde non ci vuole così tanto, basterebbe solo qualche sacco di catrame per riempire le buche prima che a farne le spese siano quei mezzi di soccorso o di pronto intervento utili alla nostra comunità in particolar modo in questo momento di emergenza.

 

2 Commenti

  1. Siamo pieni di strade che fanno SCHIFO!
    Il comune preferisce andare in causa con le persone che sistemare le strade,la verità e questa tanto quante persone fanno causa….

  2. sono quasi sicuro che il tratto stradale spaccato si riferisca ai lavori che ci stanno martoriando da alcuni giorni,cioè aperto un varco non lo si chiude bene.- dico quasi sicuro perchè percorro qsempre questa strada e prima non vi era. (ma da quel punto al passaggio a livello fa schifo,a prescindere) quindi pregherei la redazione affinchè faccia sua questa notizia e la rapporti sia ai VV.UU. che al Comune.grazie

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.