Home Cronaca “Sistema Trani” ascoltati vari testimoni coratini durante il processo che si è...

“Sistema Trani” ascoltati vari testimoni coratini durante il processo che si è celebrato il 18 dicembre al Tribunale di Lecce (video)

0

Oltre dieci ore di processo e undici testimoni quello che si è tenuto Il 18 dicembre presso il Tribunale Penale di Lecce, davanti al presidente Pietro Baffa, il processo vede imputati il giudice Michele Nardi e l’ispettore di Polizia Vincenzo Di Chiaro attualmente detenuti nel carcere di Matera.

Tra i testimoni invitati a comparire in aula molti erano coratini.

Durante il processo alcuni di loro hanno dovuto ricostruire i vari spostamenti di denaro per l’acquisto di beni e servizi, riconducibili nella maggior parte dei casi, al teste Flavio D’Introno di cui, però, il beneficiario risultava essere il giudice Michele Nardi come ha dichiarato lo stesso durante i vari interrogatori sostenuti precedentemente presso i carabinieri di Barletta e i PM Licci e Gallone.

Tra i benefit ricevuti dal dott. Nardi secondo la testimonianza di un coratino G.L. ci sarebbe la ristrutturazione della villa in zona Capirro riconducibile alla famiglia del magistrato dove i lavori e le forniture sarebbero state commissionate e poi pagate dal D’Introno.

I pubblici ministeri si sono anche soffermati con i testimoni su alcuni oggetti preziosi come un orologio Rolex Daytona dall’allora valore di 27.00mila euro acquistato in una gioielleria di Bari  il cui titolare chiamato a testimoniare dichiara di aver sentito dire dal D’Introno che l’acquisto serviva come regalo per una persona importante che gli avrebbe sistemato un processo a suo carico, ad indicare al D’introno la gioielleria fu l’avvocatessa Simona Cuomo anch’essa imputata nel processo in corso.

Tra gli oggetti di lusso si è parlato anche di 2 pietre preziose da un carato l’una dal valore di oltre 25.000mila euro, acquistate dal D’Introno tramite un gioielliere coratino che lamenta di non aver mai ricevuto pagamento a suo favore da parte del D’introno.

Non solo oggetti preziosi e somme di denaro destinati a Nardi ma anche vari elettrodomestici acquistati in un negozio di Corato commissionati da Michele Nardi e Simona Cuomo e poi pagati dal D’Introno in questo caso il titolare dichiara di essere stato pagato per l’intera somma.

Il 5 Febbraio è stata fissata la prossima udienza che vedrà a testimoniare altri 3 coratini ed alcuni magistrati.

 

Articolo precedenteVerso le primarie il PD presenta l’altro candidato del centrosinistra Fabiano Amati
Articolo successivoLiceo Classico “A. Oriani” – Le vie per la parità di genere si aprono anche attraverso lo sport.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.