Home Politica L’amministrazione – Una montagna da scalare – Non può che partorire un...

L’amministrazione – Una montagna da scalare – Non può che partorire un topolino…

1

Il sindaco Pasquale D’Introno in un cul-de-sac!!!

L’ennesima fumata nera giunge dal confronto dei partiti di maggioranza chiesto dal sindaco e tenutosi ieri sera. L’incontro durato fino a notte fonda ha portato ad un nulla di fatto.

Nonostante il primo cittadino durante la riunione abbia rivisto la sua posizione facendo un passo indietro, mettendo sull’altare del sacrificio due dei suoi assessori Lucia Zitoli e Antonella Di Bartolomeo, nessun passo indietro invece hanno mostrato Direzione Italia e Forza Italia che hanno ribadito come unica soluzione possibile l’azzeramento della giunta che lo stesso D’Introno ha nominato in barba agli accordi presi all’inizio della campagna elettorale che vedeva la presenza in giunta, attraverso la nomina degli assessori, di tutti i partiti della coalizione, compresi Forza Italia e Lega, determinanti nell’elezione di D’Introno a primo cittadino.

Uno dei temi che, in particolare, ha animato la discussione è la presenza in giunta di Benedetto Roselli figura non gradita alla maggioranza e ritenuta artefice di questa contesa.

A quanto pare la rinuncia a Benedetto Roselli da parte del sindaco risulterebbe una vera e propria sconfitta.

Ormai è evidente che il braccio di ferro intrapreso dal sindaco D’Introno con Gino Perrone non abbia sortito gli effetti sperati, il “mazzo delle carte” adesso è passato nelle mani dell’ex senatore e D’Introno sembra trovarsi in un vicolo cieco.

Adesso non ci resta che aspettare il prossimo consiglio comunale. In attesa di capire quale sarà la prossima mossa del sindaco, una domanda è d’obbligo:- il sindaco ritirerà le sue dimissioni continuando con questo muro contro muro? Oppure abdicherà una volta per sempre? –

1 commento

  1. Buongiorno,
    guerre fraticide che lasciano perplessi solo e unicamente i cittadini. I politicanti maestri della politica stessa, danzano e ballano per giudicarsi un trono da spartire. Il vero enigma è, che mentre costoro giocano, questa povera Città vedrà sempre maggiore la presenza di crateri nel plateatico e sempre più oscure serrande di esercizi abbassare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.