Home Notizie da Andria Caso Cucchi, Riccardo Casamassima: “Ufficiali da me denunciati, indagati per abuso d’ufficio”

Caso Cucchi, Riccardo Casamassima: “Ufficiali da me denunciati, indagati per abuso d’ufficio”

L'annuncio dell'appuntato scelto andriese e testimone chiave nel processo per l'omicidio del giovane romano

0

E’ svolta nel processo Cucchi. Lo ha annunciato lo stesso Riccardo Casamassima, appuntato scelto andriese dell’Arma dei Carabinieri e testimone chiave nel processo per l’omicidio del giovane romano Stefano Cucchi, avvenuto il 22 ottobre 2009, mentre era sottoposto a custodia cautelare.

Due giorni fa, la notizia inattesa: “Gli Ufficiali che ho denunciato sono stati indagati per abuso d’ufficio art 323 c.p dalla Procura di Roma“, ha comunicato Casamassima. “Ieri (29 luglio c.m., ndr) mi è arrivata questa notizia che stavo aspettando non ho mai smesso di avere fiducia nella magistratura. Nel procedimento penale 4520/2020 dei Pm dr.ssa Terracina e Dr.ssa Spinelli ora tutto comincia a essere chiaro“.

Una attività delicata e complessa nella quale sono stati sentiti diversi testimoni. “L’avvocato Serena A. Gasperini non ha mollato un solo attimo e oggi questi sono i risultati. Grazie ai legali militari Giulio e Valentina Murano che stanno curando il ricorso al T.A.R.“, ha dichiarato l’appuntato scelto andriese.

Ora aspettiamo gli esiti dalla Procura di Perugia e con il Procuratore Cantone sono sicuro che avremo i nostri riscontri anche lì“. Ed infine, il ringraziamento a coloro che lo hanno sempre sostenuto nel suo travagliato percorso, non ancora terminato, tra cui anche Ilaria Cucchi, sorella di Stefano. “La mia forza siete tutti voi che mi state vicino, la mia famiglia compatta e unita. Grazie al Comandante di San Cesareo Daniele Esposito anche lui trasferito – ha continuato -. Grazie a Ilaria Cucchi e all’avvocato Anselmo che hanno dato voce a quello che stavo sopportando“.

Foto credits: Il Fatto Quotidiano

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.