Home Rubrica Jè belle e nan’abballe

Jè belle e nan’abballe

0

L’angolo della satira” a cura di Nemesi
Il vernacolo applicato alla satira politica e di costume.

Con questa “poesia” avviamo una nuova rubrica che, sappiatelo, ogni settimana prenderà di mira qualcuno. E chi si se la prenderà … se la prendesse dove vuole. Come è noto, il divo Giulio, come tanti politici di una volta, aveva il suo stile e non se la prendeva mai. Vedremo quanti politici locali sapranno elevarsi a quei livelli e quanti invece faranno, al contrario, fuoco e fiamme, col rischio, ovviamente, di rimanere bruciati.

Questa settimana non possiamo non cominciare dal n. 1 della nostra Città.

Jè belle e nan’abballe
Quand’è granne e quand’è belle
e ci vide quand’è ‘nziste;
la cuggine de Zezzelle
‘u assemegghje proprie a Criste.

Nan è fatte angore nudde,
l’è sfesciute qualche ‘nguacchie
ma l’amisce discene ca cudde
je ‘u megghje ca si acchie.

Chiacchiere, selfie e poesia,
strenge mane a tutte quande.
“Lotta alla pandemia!”.
Ma le rizze so’ vacande.

Trasparenze e cambiamende
premettaje alle uagnune,
po’ è vengiute e mo nan sende
la parole de nesciune.

Né assemblee né Consulte.
‘U Statute? s’è stetate!
La promesse nan resulte
e tutt’u priesce s’av’ammesciate.

Diciaje sembe zì Mengucce:
ce nan te vù sfraganà
quanne sale saup’o ciucce
‘u adà sapajè guvernà.

 

 

 

Articolo precedenteUniversità della Terza Età “Edith Stein”: on-line con il Carnevale
Articolo successivoCommissioni consiliari: eletti i presidenti, uno solo è dell’opposizione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.