Home Rubrica Jè belle e nan’abballe

Jè belle e nan’abballe

0

L’angolo della satira” a cura di Nemesi
Il vernacolo applicato alla satira politica e di costume.

Con questa “poesia” avviamo una nuova rubrica che, sappiatelo, ogni settimana prenderà di mira qualcuno. E chi si se la prenderà … se la prendesse dove vuole. Come è noto, il divo Giulio, come tanti politici di una volta, aveva il suo stile e non se la prendeva mai. Vedremo quanti politici locali sapranno elevarsi a quei livelli e quanti invece faranno, al contrario, fuoco e fiamme, col rischio, ovviamente, di rimanere bruciati.

Questa settimana non possiamo non cominciare dal n. 1 della nostra Città.

Jè belle e nan’abballe
Quand’è granne e quand’è belle
e ci vide quand’è ‘nziste;
la cuggine de Zezzelle
‘u assemegghje proprie a Criste.

Nan è fatte angore nudde,
l’è sfesciute qualche ‘nguacchie
ma l’amisce discene ca cudde
je ‘u megghje ca si acchie.

Chiacchiere, selfie e poesia,
strenge mane a tutte quande.
“Lotta alla pandemia!”.
Ma le rizze so’ vacande.

Trasparenze e cambiamende
premettaje alle uagnune,
po’ è vengiute e mo nan sende
la parole de nesciune.

Né assemblee né Consulte.
‘U Statute? s’è stetate!
La promesse nan resulte
e tutt’u priesce s’av’ammesciate.

Diciaje sembe zì Mengucce:
ce nan te vù sfraganà
quanne sale saup’o ciucce
‘u adà sapajè guvernà.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.