Home Basket CORATO VINCE E BRILLA, AL PALALOSITO VALMONTONE SCONFITTA 75-66

CORATO VINCE E BRILLA, AL PALALOSITO VALMONTONE SCONFITTA 75-66

0

L’Adriatica Industriale Basket Corato torna alla vittoria e lo fa tra le mura amiche contro una Virtus Valmontone in salute e mai doma.

I neroverdi giocano una partita matura, convincente, con molti “alti” e ben pochi “bassi” e riescono ad avere la meglio sui romani con il punteggio di 75-66. Gli uomini di Gesmundo, dopo un primo quarto a due facce, ingranano la marcia, vanno in vantaggio a metà secondo periodo e non si fanno più sorprendere. Gli ospiti tentano a più riprese di rientrare nel match, ma un’attenta difesa e un attacco in crescita non lasciano spazio ad alcuna rimonta. Decisivo per Corato il parziale di 17-1 all’alba del secondo periodo che ha indirizzato il match nonostante la verve degli ospiti, in partita per quasi tutti i 40′.

Brunetti da lontano, Sereni dalla media: due tiri due ed è già 5-0 per i padroni di casa che partono bene. Caridà e Santini accorciano, ma i neroverdi sono aggressivi ed abbastanza lucidi nella gestione dei 24″ (9-4 al 4′). Bisconti (23 punti, il migliore dei laziali), giganteggia sotto le plance e piazza un personale 0-7 di parziale, dall’altra parte Idiaru ne fa 5, Stella scalda le mani. La partita è vibrante e combattuta, una tripla di Casale (gran primo tempo il suo), porta per la prima volta l’ago della bilancia del match nel Lazio (16-18 al 9′). Ultimo minuto poi non irreprensibile per Corato che concede addirittura sei punti agli ospiti, Grilli (12 pti e 6 Assist) limita i danni: 19-24.

Corato è sotto, ma non si scompone, neanche dopo il canestro di Bonessio che apre il secondo periodo e allarga la forbice. Qui sliding door del match: la difesa dell’Adriatica erge un muro insormontabile, davanti i cecchini sono infallibili e mettono a referto un canestro dopo l’altro. È il tandem Stella-Serroni a confezionare un parziale di 12-0 in tre giri di lancette, altra bomba di Grilli, 15-0 e Valmontone all’angolo (34-26 al 15′). Dopo 5′ esatti di digiuno si sbloccano dalla lunetta i bianconeri con il solito Bisconti, ma Corato con Grilli, Idiaru e Stella vola sul +11 (40-29 al 18′). Sul finale di quarto però, come nel primo, i pugliesi rallentano vistosamente e gli ospiti ne approfittano: Caridà, Bisconti e Bonessio fanno 0-8 di controparziale e rientrano quasi a sorpresa in partita. Al 20′ è 40-37.

Al rientro dalla pausa lunga le due squadre sono meno precise e lo spettacolo, sin qui molto gradevole, ne risente. È comunque Grilli ad aprire le danze dopo 2′, Sereni (13 pti) spara da lontano dopo il lay-up di Caridà. Si gioca al gatto con il topo: Corato prova a scappare con Stella (16 pti, 8 assist), Valmontone insegue con i soliti Caridà e Bisconti. I romani dominano sotto le plance (36 rimbalzi a 27) quindi ecco il piano B neroverde: Kekovic gioca in maniera più perimetrale del solito e le sue bombe diventano decisive, con il montenegrino che spacca il match dopo un primo tempo “normale”. In meno di 4′ il classe 1999 realizza 7 punti, recupera un pallone e raccoglie due rimbalzi. Così si va all’ultima pausa sul 57-50.

Il Kekovic show non si placa nemmeno nell’ultimo periodo, anzi, prosegue con altre due triple-fotocopia  (alla fine saranno 17 i punti realizzati) che annichiliscono gli avversari (63-52 al 32′). Grilli raggiunge il massimo vantaggio (+13), Bisconti non si arrende e continua a subire falli in quantità industriale (8). Sereni mantiene il buon vantaggio con quattro punti di fila e la partita sembra chiusa (69-56 al 37′). Sembra, perché Casale prima con una tripla “normale”, poi con una bomba clamorosa dai 9 metri, riapre il match, di mezzo anche il solito lay-up di Bisconti (69-64 al 38′). I neroverdi però hanno la maturità di non sbandare e mettere i sigilli ai due punti ancora con Kekovic e Stella per il 75-66 finale.

Bella prova dell’Adriatica Industriale dunque, che conferma quanto di buono fatto vedere per 30′ a Sant’Antimo, ma a differenza della trasferta campana, non hanno cali di tensione e portano a casa due punti che fanno classifica e morale. Il modo migliore per arrivare al difficilissimo derby di domenica prossima: al PalaDolmen sarà Bisceglie-Corato. I Lions sono una squadra costruita per i primissimi posti in graduatoria e stanno vivendo un ottimo momento di forma. Servirà il miglior Corato della stagione per fare bene in terra biscegliese.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.